Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 14

Breve corso online

Letura 1


N'uta lession d notoma

Iv arcrde 'd ln ch'i l'avo parl lession f?
A l' amportant ch'i sapie i nm d le part dl crp an piemontis. Na bela parta 'd nm i l'eve gi amprendula: ora av manca mach pi 'd conss-ne dontr d'uti.

Donca: i seve ln ch'a l' 'l cl e 'dc ln ch'a l'
'l cupiss; sota a-i da na part l cassit e da l'utra la schin-a. Al snter d l stmi a-i l'ambur;
le gambe as plego a la mira dl snoj (o gnoj).
Ij dj dl pe a l'han nen d nm, gav dl dilon e dl dilin. Antrames j'rgo intern, i l'oma 'l cheur, l srvel, l fdich (ch'a l' col d j'mo, ch'as peul nen confond-se con la fricass, cola dle bes-ce)
e via frt.

l rastel dla schin-a as peul dc ciamesse filon dla schin-a: "spin-a dorsal", coma ch'a dis caidun, a fiira l'italian.

F d'atension: se al ristorant i ciame un piat d fdich (e nen d fricass) av pijo pr'un canbal.

Pijeve varda!




Vocabolari

dontr = qualche
parta = gruppo, partita (anche sportiva)
dontr d'utri = alcuni altri
ora = adesso
cupiss = nuca
cassit = cassa toracica
schin-a = schiena
snter = centro
ambur = ombelico
a la mira = all'altezza
snoj / gnoj = ginocchio
dilon = alluce
dilin = mignolo (del piede)
antrames = tra, in mezzo
rgo = organo (anche strumento musicale)
va d via l'rgo! = vai al diavolo!
srvel = cervello
fdich = fegato (degli esseri umani)
fricass = fegato (degli animali)
fiair (caics) = puzzare (di qualcosa)
fiira = puzza
pijesse varda = fare (molta) attenzione

Letura 2


Edoard Calvo

E. Calvo a l' stit un dij mej scritor piemontis d sempe. A l'era nit dl 1773 a Turin da na famija d'adoss monfrin-a, e a l'era stit anciarm da la literatura fin-a da la prima et masn.

A l'avra vorsusse dedich a le litre, ma s pare, ch'a l'era un mdich, a l'ha forsalo a studi
medzin-a. Calvo a l'ha riess bin an sua profession: la fama ch'a l' fasse a l'ha compagnalo ben ddl 'd soa mrt. Ma ancheuj nojutri i lo arcordoma pr soa poesa e s amor pr la lenga piemontisa, che chiel a l' stit un dij prim a deje na fiusa total e completa: an efet E. Calvo a fasa part d col moviment d'inteletuaj ch'a sugnavo 'd f 'd nst idima na lenga d stat; la burian-a dl'Arvolussion fransisa a l' dscadnasse franch ant l mentre che 'l debat an sl' ufisialission dl piemontis a l'era dvent bin serios. Apress, j'inteletuaj piemontis a son virasse viaman pi anver la coltura italian-a (armanch fin-a al Neuvsent, scol ch'a l'ha vdd l'arnssita 'd nsta coltura).

Edoard Calvo a l'ha scriv 'd poese sate 'd patriotism piemontis, malincona, amor d la natura e tenerssa uman-a. A l' mrt, an soagnand ij malavi 'd colera dl'ospidal turinis d San Gioann (ch'a l'han tacaje 'l mrb).
Antrames soe euvre, scrite ant un piemontis fiamengh, i podoma arcord le
Fule Moraj - s ciadeuvra -, la Petission dij Can, l' Artaban Baston, l' da an sla Vita 'd Campagna; le Fole Religiose e l' Epitalam an onor d Teobalda Turinet, ant che'l giovo poeta a fortiss pien d'orgheuj:

"voi i sav (=seve) ch'a l' mia mda
'd parl sempe piemontis!
Ognidun an s vilage
dev spieghesse an s langage".

A l'ava mach trantun agn cand l destin a l'ha portass-lo via.




Vocabolari

un dij mej scritor = uno dei migliori scrittori
nit / n = nato
adoss (femm.) = sorgente, origine
monfrin = del Monferrato
anciarm = affascinare
et masn / pcinit = infanzia
medzin-a = scienza medica (da non confondere con
meisin-a = medicina, farmaco)
riesse = riuscire
ddl 'd soa mrt = oltre la sua morte
sugn (
mi i seugno / nojuti i sugnoma) = sognare
burina-a = tempesta
arvolussion = rivoluzione
ant l mentre = nel momento
debat = dibattito
dvent = diventare
serios = serio
apress = dopo
viresse = girarsi, rivolgersi
viaman p = sempre pi
anver(s) = verso
armanch / almanch = almeno
arnssita = rinascita
sat = denso, pregno
a l'han tacaje = gli hanno attaccato
antrames = tra
euvra = opera
fiamengh = bellissimo
fula = fiaba
ciadeuvra (masch. e femm.) = capolavoro
da = ode
fola = follia
epitalam = epitalamio
fort = affermare (con forza)
orgheuj = orgoglio
langage / lengage = lingua, linguaggio
a l'ha portass-lo via = se l' portato via

NTE D GRAMTICA


1. Il piemontese ha una specifica tendenza alla sincope delle vocali non accentate: questo si verifica specialmente nei casi di verbi uniti a pronomi complemento.

Gli imperativi della prima coniugazione, per esempio, perdono la vocale finale:

agiuta! (aiuta!), ma: agiut-me! (aiutami!)
canta na canson! (canta una canzone!), ma: cant-me na canson! (cantami una canzone!)

Nel caso di un accumulo di desinenze che renderebbe impossibile la pronuncia si fa ricorso ad una
d'appoggio:

cntmne doe! (cantamene due!), vend-me! (vendimi!), vndmne! (vendimene!)

2. Alcuni participi passati, a contatto con i pronomi complemento, cambiano forma.
Ad esempio
fit diventa fa+pron. complemento. Cos i l'hai fait (ho fatto), ma: i l'hai falo (l'ho fatto)

Analogamente,

dit diventa da. Es. i lhai dit (ho dato), ma: i lhai dalo (lho dato)
dit diventa di. Es. i l'hai dit (ho detto), ma: i l'hai dilo (l'ho detto)
stit diventa sta. Es. i son stit a Milan (sono stato a Milano), ma: i-i son stje (ci sono stato)
andit diventa and. Es. i son andit a Bra (sono andato a Bra), ma: i-i son andje (ci sono andato)

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS


1. Edoard Calvo a l'era nit a Turin.
2. Ant a l'ava pass soa et masn?
3. An part a Turin, an part ant l Monfr.
4. Ln ch'a l'ha scriv?
5. Vire euvre, dont le Fule Moraj a son le p conosse.




1. Cantami una bella canzone.
2. Cosa ti sei fatto?
3. Non mi sono fatto nulla!
4. Proprio (=franch) nulla?
5. Non ti ho detto di andare a casa!

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Opere e biografie pittori | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu