Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

A1. Nino Costa

Breve corso online


La cop



Su, 'nt la doja piemontisa, versa 'ncora ln ch'a-i resta
- dpo l'ltima batsta - dpo l'ltima tempesta -
dl vint ch'i dsbotiavo quand ch'a l'era 'l di dla festa,
ch'i na bivo na cop.

Da col temp che 'd rbe neuve pch pr vlta a son frustasse,
che 'd person-e a j'ero 'nsema che peuj dp son separasse
e che 'd file 'd teste ute son dvent dle teste basse,
ma 'l vint l' nen cambi.

Guarda 'n p come ch'as guerna ciir e san, fin e sincer:
com'a scapa da 'nt la bota, com'a fris ant l bicer,
quasi quasi ch'as dira ch'a l'han mach tiralo jer
da 'nt le crte dl Monfr.

Versa pura sensa gena; l' pa un vin ch'a d a la testa.
Lassa pura ch'a n'arlegra e ch'an buta 'l cheur an festa.
Se la doja l' 'n p frusta, l' per na doja onesta,
l' la doja 'd nstra ca.

Giontje ansema le memrie dl bon temp ch'a l' passaje,
le miserie e le baldrie, le strachsse e le bataje,
le passion ch'a s'anviscavo come 'l feu da le buscaje,
le speranse e j'ilusion.

E ij soris ch'a trmolavo sle bochin-e moscatele,
e ij basin ch'i vendumiavo sota ij brombo dle tirele,
e le cse antiche e triste, e le cse antiche e bele
ch'i na faso na canson.

E cantomla ancor na vlta con la bela compana,
con la vos ch'a treuva ancora le volade d'alegra,
mentre fra - an mes a l'ombra - j' la Mrt ch'a f la spa
pen-a l, vir 'l canton.

Ma sa j', guardomla an facia. Soma gent d bon-a rassa
S ch'a-i f se j'ani a chrso - se la vita a n strapassa.
L'oma forse 'l sangh p mire - la caviera meno s-ciassa,
ma 'l cassit l' sempre bon.

Na canson dla nstra tra f p gj che na cocarda,
quaicadun a la dspresia, ma l' n'nima bastarda.
Noi ch'i soma 'd marca franca la cantoma a la goliarda
con na fiama 'ndrinta a j'euj.

E 'ntratant ij gran a sponto, e ant le vigne ij branch a buto,
e ant le ca j' le maraje ch'a travajo e ch'a discuto.
Gnun-e tmme ch'i s sperdo. Quand che ij pare a stago ciuto
s'ancamin-o ij nstri fieuj.

da Fruta madura, 1931


audizione: mp3

Il caricamento pu richiedere qualche tempo

Anvischesse = accendersi
Brombo = tralcio
Buscaje = rami secchi
But = germogliare
Canton = angolo
Caviera = capigliatura
Chrse = crescere
Ciuto = zitto
Cop = bicchiere
Crta = cantina
Dsboti = stappare
Doja = boccale, brocca
Fris / friss = frizzare
Frustesse = consumarsi
Gena = timore
Giont = aggiungere
Gj = gioia, piacere
Guernesse = conservarsi
Mire = magro
Maraje = insieme di ragazzi
S-ciass = folto
Strachssa = stanchezza
Tmma = timore
Tirela = filare di vite
Vir = girare

Nota biografica

Il mondo poetico pascoliano trasfigurato in unestetica verificata nella tradizione e sublimata da una religiosit popolare il mondo del primo grande poeta del Novecento letterario piemontese: Nino Costa.
La sua preparazione umanistica lo rese sensibile alla poesia espressa dai giovani poeti crepuscolari il cui spirito egli talvolta manifesta con la posizione di umilt, di tenerezza e di ironia che egli assume nei confronti delle cose, del mondo e di se stesso. [Camillo Brero, Storia della letteratura piemontese, vol. III, p.20]

Nino Costa nasce a Torino nel 1886 e ivi muore nel1945. Tra le opere pi importanti si citano: Mamina (1922),
Sal e piver (1924), Brassabsch (1928), Fruta madura (1931), Rba nstra (1938), Tempesta (uscito postumo nel 1945).

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Opere e biografie pittori | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu